La Rivea

La rivea è sicuramente uno dei secondi piatti più conosciuti e celebri della Gallura. Una tradizione antichissima, composta da interiora d’agnello o capretto intrecciate tra loro; avvolte con l’omento e gli intestini (li minuci), spiedate e cotte alla brace o in forno. Impossibile non farsi conquistare dal loro sapore intenso e autentico. Un richiamo irresistibile per palati forti.

Ricetta La Rivea

Ingredienti:

  • parti di capretto o di agnello:
  • polmone
  • cuore
  • fegato
  • un pezzetto di lardo
  • budella
  • omento

Tagliate a fette il polmone, il cuore, il fegato e il pezzettino di lardo (fettine finissime) e infilateli nello spiedo. Avvolgetevi prima l’omento e infine le budella ben pulite. Aggiungete un pizzico di sale e fate cuocere nella graticola per circa 45 minuti o in forno a 200°, per circa 45 minuti/un’ora (dopo 20 minuti abbassare il forno a 150°). Quando la rivea sarà bella croccante va servita subito. Questo piatto, di antichissime origini, è tipico dei periodi di Pasqua e Natale.

L’abbinamento:
L’abbinamento perfetto è sicuramente con il vino rosso. Gusto ricco, caldo, morbido e pieno, come quello del nostro Fraìli, che lascia un piacevole retrogusto leggermente amarognolo e tannico, esaltando l’intenso sapore di questa ricetta antichissima.