Ti sei mai sentito impacciato perché non sai come si degusta correttamente un vino? Non preoccuparti, in queso post ti daremo semplici e pratici consigli, per approcciarti in maniera corretta alla degustazione, quasi, come un vero intenditore!
Iniziamo..

1. Il Vino non è né acqua né una bevanda dissetante.

Partiamo dal presupposto che il vino non può assolutamente essere bevuto come fosse acqua o una semplice bevanda dissetante. C’è chi lo fa certo, ma questo gli preclude di godere di tutte quelle sensazioni, odori, sapori, che buon vino suscita e possiede; spesso consumando prodotti mediocri e di scarsissima qualità, con risultati e postumi terrificanti.

Il vino va degustato, non trangugiato, nella giusta quantità e con consapevolezza.

La degustazione è un modo lento e riflessivo di bere, che comincia dalla bottiglia e finisce sul palato. Un processo scandito da un insieme di rituali che i Sommelier chiamano “Degustazione” o “Esame Organolettico”, che viene svolto attraverso l’analisi del colore, dei profumi e del gusto.
Solo attraverso queste fasi, si possono cogliere le principali informazioni che ne determinano l’effettiva qualità. Azioni che regalano piacevoli sensazioni che coinvolgono a pieno tutti i vostri sensi.

2. Cosa vuol dire “Degustare un Vino”

Degustare un vino vuol dire assaggiarlo, testarlo in piccoli sorsi coinvolgendo tutti i sensi, in primis vista, poi olfatto, infine gusto, per valutarne i difetti e le qualità. Per saperne poi descrivere, con un linguaggio appropriato, sensazioni ed emozioni suscitati dall’assaggio.

3. La degustazione richiede un perfetto stato fisico e psicologico

Un’adeguata degustazione richiede un perfetto stato fisico e psicologico. Un’influenza, un raffreddore, un malessere generale, stanchezza o stress, compromettono le nostre percezioni e non permettono ai nostri sensi di funziona in maniera corretta o peggio ancora, di eccedere e non godere di un ottimo vino.

4. Non ubriacarti al primo sorso

Mai una degustazione a stomaco vuoto! Prediligi cibi con poco sale, poco speziati e non piccanti, che non compromettano la tua percezione del gusto.

5. Cosa evitare prima di una degustazione

Il nemico numero uno di un buon bicchiere di vino è sicuramente il fumo, quindi evita la sigaretta prima di una degustazione, comprometterebbe inevitabilmente la percezione del gusto a soprattutto dell’olfatto. Allo stesso modo cibi troppo saporiti e piccanti e anche super alcolici. Nella lista di cosa evitare anche gomme da masticare o caramelle alla menta.

Saper riconoscere un buon vino e saperlo degustare correttamente, oggi fa sicuramente tendenza ed è una dote molto apprezzabile! Il vino infatti, è sempre stato considerato specchio della società, non a caso il detto: “Dimmi cosa bevi e ti dirò chi sei”. Avere una buona cultura vinicola, saper riconoscere la qualità, prediligere prodotti naturali, conoscerne la storia e il territorio di appartenenza, affascina e avvicina sempre più persone a questa bevanda coltivata, venerata e conosciuta da secoli.
Il vino è convivialità, suggella amicizie, conquista cuori. Accompagna le vicissitudini dell’uomo sin dalla notte dei tempi.

Curiosità:

Da un sondaggio emerge che al 79% delle donne trova molto più attraente l’uomo che si intende di vino, che sa sceglierlo, degustarlo e abbinarlo.
Gli uomini considerano molto più interessanti le donne che conoscono ciò che bevono, che sanno abbinare e scegliere un buon vino.
Secondo un altro sondaggio il 74% delle donne ama bere con il proprio partner, non tutte sono esperte, ma tante apprezzano farlo bene.
Uno studio inoltre, ha trovato una correlazione tra la “qualità di vita di una coppia” e “il bere insieme”. Lo studio sostiene che distenda i nervi e porti ad essere più aperti.
Quindi ora che sapete com iniziare, non vi resta che provare. Alla salute!

Commenta